Ci chiediamo il valore o il costo?

Vi è capitato sicuramente di prendere un metrò o un tram oppure di essere in una sala di attesa e notare che la maggioranza delle persone sono concentrate sul proprio smartphone, oppure qualcuno legge un giornale o un libro e qualcuno chiacchiera.

Al di là di qualsiasi giudizio in merito alla questione, quello che ci interessa evidenziare è: che tutti sono intenti a nutrire la propria mente; che siano notizie, racconti, immagini, post o commenti, si tratta di informazioni e LE INFORMAZIONI SONO CIBO.

Del cibo sappiamo che c’è quello di qualità che ci nutre e ci fortifica e quello che è detto “junk food”, il cibo spazzatura per dirla all’americana, che ovviamente nè ci nutre, nè ci fortifica…ma delle informazioni che dovrebbero essere il cibo della nostra mente, cosa sappiamo?

Le ultime ricerche evidenziano che la metà degli italiani lo scorso anno ha letto e prese per vere le “fake news”, cioè le bufale costruite ad arte per seminare il dubbio, manipolare o semplicemnte fare odience…ma come possiamo quindi distinguere una notizia vera, da una verosimile?

Quando ci troviamo di fronte ad una notizia su argomenti come scienza, medicina, economia, mondo del lavoro come facciamo a riconoscerne la veridicità, visto che non possiamo essere specializzati in tutto? Un ruolo essenziale è svolto dalla fonte di provenienza. L’autorevolezza della fonte, diventa tale, quando questa è capeggiata da molte persone specializzate nel determinato settore che ne verificano l’autenticità.

Quindi non è solo una questione di informazione, ma di qualità di informazione, dato che vivendo in un’epoca dove il mondo è interconnesso e complicato non puoi fare tutto da solo. Quindi hai bisogno di un professionista che ti guidi in quel determinato settore e conoscendo le tue esigenze, ti accompagni nella scelta.

Prendendo ad esempio il mondo del lavoro che è cambiato e sta evolvendosi continuamente, hai bisogno di fonti sicure a cui attingere, per avere le informazioni che ti servono per scegliere. Quanto è importante avere una fonte sicura, fatta di esperienza e di storie di persone che hanno fatto già il percorso prima di te?

Quanto costa andarsi a prendere le informazioni oppure quanto valgono quelle informazioni? Per la risposta torniamo al metrò o la sala di attesa, c’è chi si informa attraverso fonti qualificate e chi s’accontenta del sentito dire, così come c’è chi si nutre con attenzione e chi ingurgita qualsiasi cosa!

Quindi la vera domanda da porsi è non quanto “costa”, ma quanto “vale”! Perchè se quello che ottieni, senti, mangi non ha valore…il costo è sempre troppo alto.

Carla Papa

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *