Il tempo…il vero lusso del nostro secolo!

Il tempo è denaro?

Il tempo è il tempo…non puoi recuperarlo e quindi come puoi paragonarlo al denaro?

Il tempo scorre attimo dopo attimo e tu puoi usarlo in tanti modi: lo puoi sprecare, lo puoi spendere o lo puoi investire.

Il tempo sprecato è quello che ti rubano gli altri o quando fai qualcosa che non ti piace, il tempo speso è quello che usi per la ricarica della tua energia è quel tempo dove godi di un tramonto, di un quadro, di un film ecc…Poi c’è il tempo investito quello che determina il tuo flusso di denaro in ingresso!

Attenzione però a volte confondiamo il tempo lavorativo, con il tempo produttivo. Non è detto che chi lavora di più, guadagna di più! Oggi sul mercato guadagna di più chi vale di più.

Come si acquisisce valore? Aumentando le proprie capacità tecniche, comunicative, di relazione, di networking ecc.

Se riflettiamo un momento sulla situazione attuale lavorativa: osserviamo che chi è dipendente lavora vendendo il proprio tempo per un salario o stipendio, chi è autonomo vende la propria professionalità e quindi il suo guadagno è legato alle sue capacità, se non può lavorare il reddito cala o si annulla! Solo coloro che costruiscono delle rendite sono liberi dal vincolo del tempo e dello spazio, quindi moltiplicano le possibilità di guadagno per il numero di elementi che gli producono reddito ed annullano il rischio legato al singolo.

A volte mi capita di parlare con persone che sostengono di non avere tempo per fare le cose che amano fare, perchè tutto il tempo è dedicato al lavoro ed alle varie incombenze. Questo può essere logico per un tempo limitato al raggiungimento di una stabilità economica, ma è accettabile l’idea di lavorare per 8 ore al giorno, per 5 giorni a settimana, per circa 40 settimane l’anno e per i prossimi 40 anni?

Oggi ci sono nel mondo modelli lavorativi che consentono alle persone di essere pagate per il valore e di uscire dalla gabbia della “Non ho tempo!”.

Carla Papa

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *